Vertikal Ring 2021

Questa domenica siamo solo io (Lara Kocjancic) e Mario Ferfoglia a Tarcento. Il resto del gruppo è sparso in altre gare: chi a Trieste per la XCO 3 Camini, Iure alla Sportful e chi altro si lamenta che deve “sabbiar scalini de casa”.


Arriviamo a Tarcento in anticipo, c’è ancora poca gente, facciamo tutto con calma come piace a me (per poi arrivare sempre ultima in griglia).
Alla partenza scopriamo di esser in sole 7 coppie miste, “Ok! Obbiettivo podio!” mi dico, visto che premiano i primi 5.
Partiamo!

Prima salita lunga su asfalto e già la treccia bionda dei Cottur (Barbara Duse) sparisce. Cerco di tener a vista almeno la moretta ma alla prima discesa: persa anche lei. Eh bon ah! femo la nostra gara. Inizia la seconda salita e vedo una bionda, la passo abbastanza incredula e Mario dopo poco mi fa “ma non te sta zucàndo un poco troppo?”.
Il tempo passa, i gel anche, i km un poco meno con tutte ‘ste salite. La bionda sempre attaccata dietro.
Arriviamo al primo ristoro, vedo la mora ferma, Marietto si ferma a prendere acqua. Ok. Mi fermo anch’io. La bionda invece prende la palla al balzo, non si ferma e ci passa. Da lì parte un single tecnico divertente con radici e scalini a spezzare la monotonia dei sterratoni con canalette. La mora mi passa…che scatole!. Inizia la salita al Monte Stella (la stessa che abbiamo fatto in discesa dopo la prima salita). So che durerà più o meno una mezz’ora. Nei primi 10 minuti riprendiamo sia la mora che la bionda e le passiamo con agilità! Mario esordisce con un “te son una bestia! Ma cosa te ga la peste??” e mi chiede se sono almeno un poco stanca. “Stanca no, però guardo i km e siamo appena a metà gara”. Inizio a preoccuparmi. Le altre gare che avevo fatto fin’ora duravano al massimo due ore. Chissà se riesco a non morire entro la fine?

La salita continua e vedo due maglie Cottur. Sarà mica Barbara?! Dopo la salita di mezz’ora ci aspettano 10 km di saliscendi continui estenuanti. Passiamo la coppia Cottur ferma su una salita perché Barbara ha rotto la catena (che sfiga!) però dopo poco Mario mi avvisa che ha iniziato ad accusare i crampi che si porterà dietro fino a fine gara (tipo 20 km ancora).

I Cottur ci ripassano e da lì li vedremo sempre da dietro. Ultime salite sotto al sole e single track tecnici (dove Barbara rompe anche la sella) che ci cucinano per bene. Ad un certo punto un cartello con scritto 500 mt, tipo miraggio.. 500 mt in salita ovviamente! Non so se Mario ha bestemmiato ma sicuramente non era felice!

Concludiamo con un ottimo secondo posto, inaspettato.

Bon posso tornar a far balete deso…

Lara Kocjancic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.